Shop Mobile More Submit  Join Login
About Student Artist FritzVicari28/Male/Italy Recent Activity
Deviant for 4 Years
Needs Core Membership
Statistics 163 Deviations 788 Comments 44,380 Pageviews
×

Newest Deviations

Gyokusai (Banzai Charge), 1943-44 by FritzVicari Gyokusai (Banzai Charge), 1943-44 :iconfritzvicari:FritzVicari 23 12 From the Stars by FritzVicari From the Stars :iconfritzvicari:FritzVicari 8 3 Vectorial Norman Miles, 1060s by FritzVicari Vectorial Norman Miles, 1060s :iconfritzvicari:FritzVicari 19 6 Hunter in the Snow by FritzVicari Hunter in the Snow :iconfritzvicari:FritzVicari 6 7 Sacking Reiter, 1620s by FritzVicari Sacking Reiter, 1620s :iconfritzvicari:FritzVicari 14 13 Landsknecht, 1520s by FritzVicari Landsknecht, 1520s :iconfritzvicari:FritzVicari 17 9 Marching on the Ice, Weddell Sea, December 1915 by FritzVicari Marching on the Ice, Weddell Sea, December 1915 :iconfritzvicari:FritzVicari 8 9 A Dagger of the Mind by FritzVicari A Dagger of the Mind :iconfritzvicari:FritzVicari 15 6 Pine Forest by FritzVicari Pine Forest :iconfritzvicari:FritzVicari 10 10 Jabos Attack, Normandy, August 20, 1944 by FritzVicari Jabos Attack, Normandy, August 20, 1944 :iconfritzvicari:FritzVicari 12 9 Like Enourmous Shears by FritzVicari Like Enourmous Shears :iconfritzvicari:FritzVicari 9 6 River of Fire, Stalingrad, October 2, 1942 by FritzVicari River of Fire, Stalingrad, October 2, 1942 :iconfritzvicari:FritzVicari 12 10 The last Day of the Swordbrothers, 1236 by FritzVicari The last Day of the Swordbrothers, 1236 :iconfritzvicari:FritzVicari 34 8 Climbing Pointe-du-Hoc, Normandy, June 6, 1944 by FritzVicari Climbing Pointe-du-Hoc, Normandy, June 6, 1944 :iconfritzvicari:FritzVicari 20 9 Osculum Infame by FritzVicari Osculum Infame :iconfritzvicari:FritzVicari 5 9 Ink doodles by FritzVicari Ink doodles :iconfritzvicari:FritzVicari 3 1

Favourites

Battle of Mars La Tour (august 16 1870) by ManuLaCanette Battle of Mars La Tour (august 16 1870) :iconmanulacanette:ManuLaCanette 53 14 Maciejowski Soldiers by LordGood Maciejowski Soldiers :iconlordgood:LordGood 26 8 Partisan by the-black-cat Partisan :iconthe-black-cat:the-black-cat 27 13 Where the men are made by Torppari Where the men are made :icontorppari:Torppari 12 3 Cityscape commission coloured by deWitteillustration Cityscape commission coloured :icondewitteillustration:deWitteillustration 21 12 Life at the border fort by PenUser Life at the border fort :iconpenuser:PenUser 93 21 Means of transport by Emme-BV-Gi Means of transport :iconemme-bv-gi:Emme-BV-Gi 9 4 Onion Knight by Art-by-Juno Onion Knight :iconart-by-juno:Art-by-Juno 52 13 Things that go bump in the night by Torppari Things that go bump in the night :icontorppari:Torppari 10 3 Shhhh by PaulaMela Shhhh :iconpaulamela:PaulaMela 149 3 My neighbor Turjas by Torppari My neighbor Turjas :icontorppari:Torppari 9 2 Fairy weddings by Torppari Fairy weddings :icontorppari:Torppari 10 1 Scourge of War: Wavre by Mitchellnolte Scourge of War: Wavre :iconmitchellnolte:Mitchellnolte 108 19 1560's horseman by Gabbanoche 1560's horseman :icongabbanoche:Gabbanoche 23 6 The egg thief by Emme-BV-Gi The egg thief :iconemme-bv-gi:Emme-BV-Gi 4 7 Maciejowski Knights by LordGood Maciejowski Knights :iconlordgood:LordGood 41 11

Groups

deviantID

FritzVicari's Profile Picture
FritzVicari

Artist | Student
Italy
I'm a student illustrator and a former student in Medieval History with a very old passion for drawing.
Interests

Activity


Gyokusai (Banzai Charge), 1943-44
ENGLISH (based mostly on Bernard Millot, La Guerra del Pacifico, Max Hastings, Nemesis, the War on Japan 1944-45):

Imagine yourself in the boots of a young allied soldier (as they were mostly young), on a remote island the name of which you can barely pronounce, as far from your home as possible. It is late at night. You could be sitting in a muddy trench or behind a coral rock, deep in the jungle or near an airport strip. You could be on the watch, scanning the darkness in front of you. Hell, you could be even sleeping inside a tent. No matter where you are, when the silence is broken by hundreds of mouths shouting that same warcry, you know you wouldn't be safe:

TENNO HEIKA BANZAI! (Long live the Emperor!)

These words often preluded to a dreaded japanese frontal assault with bayonets. 

In the early stages of the war, which for Japan began in 1937, such charges had proven to be effective against the badly equipped and trained chinese soldiers. But chinese soldiers had few automatic weapons, the US Marines plenty. The battle of Guadalcanal in 1942 saw the Japanese trying several of such night frontal assaults to overrun the American lines, but they all proven to be a bloodbath.

As the initiative of the war passed to the Allied and the Japanese started fighting defensive battles, such charges were executed more as an honorable way of suicide than as a tactical manouver, as for the japanese soldier of WWII an honourable death on the battlefield was the be preferred to a shameful surrender. 

While the Japanese called this last ditch assaults with the poetic euphemism "Gyokusai" ("Shattered Jewel"), the Allied simply called them Banzai charge.

Despite the inherent desperation behind such manouvers, sometimes the Japanese succeeded in penetrating the enemy lines even at greath lenghts, helped by darkness, surprise and psychological terror. On July 7th, 1944, during the battle of Saipan, the largest Banzai charge of the war had more than 4000 japanese soldiers assualting the enemy lines to death, killing more than 600 americans in the process. 

Still, no matter the length of the penetration, the result of a Banzai charge was always the same: piles of dead bodies.

REFERENCES (not for the faint of heart):

The aftermath of the battle of Tenaru and the third Matanikau battle in Guadalcanal, 1942:

The aftermath of the Saipan great Banzai charge: 

IN POPULAR CULTURE:

There would be a lot to choose from. I think that this sequence from the tv show "The Pacific", about the battle of Tenaru (Guadalcanal) in 1942, when the Japanese actually used the frontal assaults as a tactic, perfectly illustrates a japanese night attack - and its aftermath.


FURTHER READING:

If you are interested about the Japanese point of view, when it came to banzai charges, I suggest you to read the 1973 one-shot manga by Shigeru Mizuki, "Towards our noble Deaths", based on the author experiences as a soldier in Papua New Guinea. A really touching reading which explores the different feeling towards mandatory suicide of the Japanese soldiers.



ITALIANO (basato su "La guerra nel Pacifico" di Bernard Millot e "Nemesis" di Max Hastings):

Immaginatevi nei panni di un giovane (perché erano sempre giovani) soldato alleato, su una remota isola della quale non siete nemmeno in grado di pronunciare il nome a migliaia di chilometri da casa. Notte fonda. Potreste essere in una trincea fangosa o nascosti dietro una roccia di corallo, nel profondo della giungla o vicino a una pista d'atterraggio. Potreste essere di sentinella, gli occhi che scrutano il buio davanti a voi; potreste persino essere addormentati in una tenda, ben lontani dal fronte. Ma sapreste di non essere al sicuro sentendo quel grido terrificante, gridato all'unisono da centinaia di uomini nascosti nell'oscurità di fronte a voi:

TENNO HEIKA BANZAI! 
(Lunga vita all'Imperatore!)

Queste parole facevano spesso da preludio a uno dei numerosi e temuti assalti alla baionetta giapponesi.

Nelle fasi iniziali della guerra, che per il Giappone iniziò nel 1937, cariche del genere si rivelarono efficaci contro i cinesi, addestrati male ed equipaggiati peggio. Ma i soldati cinesi avevano assai poche armi automiche, i Marines americani, al contrario, parecchie. La battaglia di Guadalcanal, nel 1942, i giapponesi tentarono più volte di sfondare le linee americane con assalti del genere, che finirono però per ottenere solo un tremendo bagno di sangue.
 
Quando l'iniziativa passò nelle mani degli Alleati e i giapponesi iniziarono a combattere battaglie difensive, le cariche frontale furono utilizzate da reparti disperati più per ottenere una nobile morte, piuttosto che per il conseguimento di qualche risultato tattico. Per il soldato giapponese e per la distorta visione del Bushido che lo stato gli aveva inculcato, la morte sul campo di battaglia o il suicidio erano infatti preferibili alla resa, una vergogna insopportabile.

I giapponesi si riferivano a queste operazioni disperate con un eufemismo poetico: Gyokusai, gioielli spezzati. Gli alleati le chiamavano, assai più prosaicamente, cariche Banzai.

Talvolta queste cariche riuscivano a penetrare le linee nemiche anche in notevole profondità, aiutate dal buio, dalla sorpresa o semplicemente dal devastante effetto psicologico che avevano su chi le subiva. E' infatti difficile, per noi occidentali, poter anche solo concepire un simile, assoluto, disprezzo per la morte. Il 7 Luglio 1944, durante la battaglia di Saipan, nella più grande carica Banzai della guerra, più di 4000 giapponesi caricarono le linee nemiche verso la morte, provocando più di 600 morti tra gli atterriti difensori americani.

Ma a prescindere dal possibile, effimero, successo iniziale, il risultato di una carica Banzai era inevitabilmente sempre lo stesso: una distesa di cadaveri ammassati.

RIFERIMENTI (non aprite se siete impressionabili):

Dopo la battaglia del Tenaru e la terza battaglia del Matanikau, Guadalcanal, 1942:

Dopo la grande carica Banzai di Saipan, 1944: 

CULTURA POPOLARE:

La scelta potrebbe essere vasta. Mi limiterò a questa sequenza tratta dalla serie tv "The Pacific" sulla battaglia del Tenaru (Guadalcanal) nel 1942, quando ancora i giapponesi usavano le cariche frontali con obiettivi tattici. A mio parere rappresenta perfettamente un attacco notturno giapponese - e le sue conseguenze.


APPROFONDIMENTI:

Se siete interessati a un punto di vista giapponese sulle cariche Banzai, vi consiglio la lettura del manga autoconclusivo "Verso una nobile morte" di Shigeru Mizuki, basato sulle esperienze che lo stesso autore visse in Papua Nuova Guinea. Nonostante non si tratti di un libro di storia in senso stretto, offre comunque una interessante testimonianza sulle miserie della vita del soldato medio giapponese e sulla complessità e sulla varietà di sentimenti che poteva provare verso la "nobile morte".
Loading...
From the Stars
ENGLISH:

Commissioned illustration for a short sci-fi story. Lizard like creatures? A man wrapped in...in what? Tree houses resemblant to the primitive korowai tribe's tree-houses? Curious? If you wish to defy the language barrier, since I don't think I would be able to write a synopsys, there you go! spaghettiwriters.it/dalle-stel…

Traditionally inked with digitally added grey tones.

ITALIANO:

Illustrazione su commissione per un racconto breve di fantascienza. Difficile fare un riassunto senza rovinare tutto. Per capirne di più, vi rimando alla pagina: spaghettiwriters.it/dalle-stel…

Inchiostrato a mano con qualche tono grigio aggiunto in digitale.
Loading...
Vectorial Norman Miles, 1060s
ENGLISH:

Another work for the photoshop class.
This time we worked on vectorial graphics. So here's a vectorial version of a Norman miles, one of those knights that fought at Hastings 1066 with William the Bastard - later, the Conqueror. There are tons of visual sources for those guys, the most basic and obvious, the famous Bayeux tapestry (actually, apparently, embroidery). 

upload.wikimedia.org/wikipedia…

ITALIANO:

Altro lavoro per il corso di photoshop.
Stavolta abbiamo lavorato sulla grafica vettoriale, quindi ecco una versione vettoriale di un miles Normanno, uno dei quei cavalieri che combatterono ad Hastings nel 1066 insieme a Guglielmo il Bastardo - noto poi come il Conquistatore. Per i normanni ci sono tonnellate di fonti visive, la più celebre delle quali è senz'altro l'arazzo di Bayeux.

upload.wikimedia.org/wikipedia…
Loading...
Hunter in the Snow
ENGLISH:

Another work for photoshop class.
This was hand-drawn and partly water coloured - (only the darkest parts), then enhanced and recolored with PS.

This one was mainly inspired by one of the hunters from Pieter Bruegel's masterpiece "The Hunters in the Snow" (1565) and from Albrecht Duerer's engraving "Three paesant in conversation" (1514-19) for the hood.

upload.wikimedia.org/wikipedia…
www.backtoclassics.com/images/…

ITALIANO:

Altro lavoro per la classe di photoshop.
Disegnato a matita con le ombre colorate in monocromia con gli acquarelli. Colori e sfondo aggiunti con photoshop.

In questo caso mi sono ispirato a uno dei cacciatori dal capolavoro di Bruegel "I cacciatori nella neve" (1565) e, per il cappuccio e il cappello, da una stampa di Albrecht Duerer, "Conversazione tra tre popolani" (1514-19).

upload.wikimedia.org/wikipedia…
www.backtoclassics.com/images/…
Loading...
Sacking Reiter, 1620s
ENGLISH:

Done for my photoshop class.
Hand-drawn and digitally coloured.

A (dis)mounted scoundrel from the Thirty Years War. If you are new to the subject, you are probably new to this page as well. There's a lot about the early phases of that war in the gallery, go check it out! And now that, somewhere in time, in the future, I'll continue to draw about it.

Fashion changes, and by late XVI century, fearsome mercenaries preferred large trousers over cod-pieces. Since the 20s of the XVII century, a rider without a leather buffcoat would have been absolutely "out". Looting, instead, changed little. You would be smiling too with your horrible teeth, if you had looted a young pig to eat for dinner. No vegans, back then.

ITALIANO:

Fatto per il corso di photoshop.
Disegnato a mano e colorato in digitale.

Un malintenzionato cavaliere (appiedato) della guerra dei trent'anni. Se non conoscete l'argomento, forse non siete mai stati su questa pagina. Ne ho trattato parecchio nei vecchi disegni. E ne tratterò di nuovo, in futuro...

Le mode cambiano e già a partire dagli ultimi decenni del 1500, i terribili mercenari iniziarono a preferire pantaloni sempre più larghi a braghe attillate e grosse brachette. Fin dagli anni 20 del seicento, un cavaliere senza la tipica giacca di pelle giallognola, sarebbe stato piuttosto "out". Le regole per il saccheggio, invece, erano sempre le stesse. Stareste facendo bella mostra della vostra orrenda dentatura anche voi, se aveste saccheggiato un giovane porcellino da mangiare a cena. I vegani erano pochini all'epoca.
Loading...
Landsknecht, 1520s
ENGLISH:

Done for my photoshop class.
Hand-drawn and digitally coloured.

What's a Landsknecht?
Well, if youhave lived on Mars since now, know that they were simply some of the most fearsome mercenaries that strolled to the european wars in the XVI century. Should you ever be able to travel backwards in time, seeing all those fabolously coloured clothes, tight hose, big cod-pieces and plumes could make you laugh out loud, too. Or you could just shiver in fear, knowing that these guys captured the very king of France during the battle of Pavia in 1525 and managed to sack Rome in 1527.

ITALIANO:

Fatto per il corso di photoshop.
Disegnato a mano e colorato in digitale.

Cosa sarebbe un Landsknecht?
Forse, se non siete vissuti su Marte, avrete letto su qualche vecchio libro scolastico dei lanzichenecchi, temutissimi mercenari che si distinsero nelle guerre europee del XVI secolo, specialmente da noi. Se foste in grado di viaggiare indietro nel tempo, forse la vista di quegli abiti dai colori favolosi e sgargianti, completi di maniche a sbuffo, braghe attillate, piume variopinte e, soprattutto, gigantesche brachette, potrebbe farvi sorridere. O tremare di paura, sapendo di trovarvi al cospetto dei feroci saccheggiatori, massacratori, stupratori di Roma (1527), ai mercenari che catturarono il re di Francia a Pavia (1525).


www.youtube.com/watch?v=DGz_Sq…
Loading...
Marching on the Ice, Weddell Sea, December 1915
"Men wanted for hazardous journey. 
Low wages, bitter cold, long hours of complete darkness. 
Safe return doubtful. 
Honour and recognition in event of success."

ENGLISH (based on the documentary The Endurance: Shackleton's Legendary Antarctic Expedition and several articles on the internet. ):

One century ago, while World War I raged all over Europe, 28 men were cut out from the rest of the world, entrapped in a floating island of ice in Antarctica. If you thought you are having some bad Christmas holidays, wait to hear about their story. 

THE IMPERIAL TRANS-ANTARCTIC EXPEDITION:

The Imperial Trans-Antarctic Expedition was one of the latest grand adventures of the age of discovery. 28 men, selected among more than 5000 volounteers, embarked together with a pack of more than 60 dogs, a cat and a couple of motorsledges, under the command of Sir Ernest Shackleton, arguably one of the greatest adventurers and explorers in British history. Among them, scientists, sailors, carpenters and even a photographer, James Hurley.

The plan had the ship Endurance crossing the unexplored Weddel Sea and landing in the northern coast of Antarctica. Then, a smaller party led by Shackleton, aboard the two motorsledges, helped by the pack of dogs, would have crossed the continent toward the Ross bay, were another ship, the Aurora, would have brought them home.

But nothing would have gone according to the original plan...

TRAPPED IN THE ICE:

The Endurance, departed from Plymouth on August 8, 1914, approached the South Pole in December. Floating ice would have slow down her voyage, until, the 19th of January, 1915, the ship was definitely stuck in a field of unbroken packs of ice, at  76°34′S, 31°30′W, in the middle of one million of square miles of ice. Almost an year was spent there, on the slowly floating icy mass, with the ice relentlessly squeezing the ship, that was finally abandoned on October 27, 1915 and sunk on November, 21.

This led to Shackleton decision to march towards solid land. From December 23 to December 29, 1915, the 28 marched, heaving with them, among other things, a one-ton heavy lifeboat, the James Caird, that would have later be vital to save them all. In those few days, they only managed to march 12 miles, the ice being too soft. The march almost brought the men to mutiny.

The march was halted and a new camp, "Patience", enstabilished.
There, the major tragedy of the expedition, the killing of the 69 dogs, took place.

And the more incredible and daring parts of the journey were still to happen...

NOTE:

This drawing was done on December 23 as a Christmas gift for my dad. I couldn't find any interesting subject since then, so my documentation may be lacking since is less than a couple of hours of research. Differently from some obscure battle happened in medieval Estonia, the Imperial Trans-Antarctic Expedition is instead a surprisingly richly documented historical episode about which almost every detail is covered in depth. Just to let you understand, even the ship's cat has its own Wikipedia page - and I'm not even joking. My short syntesis would hardly cover the Expedition's history, even on a superficial level. If you are interested in the subject, even the Wikipedia pages are an incredibly rich start. 

I'll leave here just some pictures from James Hurley I used to as a reference. 

The Endurance trapped in the ice:


The evacuation of the Endurance:


A group photo:

James Hurley (photographer) and Ernest Shackleton:

The heaving of the James Caird during the December march:



ITALIANO (basato sul documentario  The Endurance: Shackleton's Legendary Antarctic Expedition e diversi articoli trovati per la rete):

All'incirca un secolo fa, mentre la Prima Guerra Mondiale infuriava in Europa, 28 uomini si trovarono tagliati fuori dal resto del mondo, intrappolati sopra un'enorme isola di ghiaccio fluttuante al largo del Polo Sud. Se pensate di aver passato un brutto Natale, aspettate di leggere la loro storia.

LA IMPERIAL TRANS-ANTARCTIC EXPEDITION

La Imperial Trans-Antarctic Expedition, nota anche come spedizione Endurance, fu l'ultima grande avventura dell'età dell'esplorazione polare. 28 uomini, scelti tra 5000 volontari, furono imbarcati insieme a 69 cani da slitta, un gatto e un paio di motoslitte, agli ordini di Sir Ernest Shackleton, indiscutibilmente uno dei più celebri avventurieri ed esploratori britannici. Il gruppo eterogeneo era formato da uomini provenienti da diverse classi sociali. Erano scienziati, biologi, marinai, carpentieri e nel caso di James Hurley, fotografi incaricati di documentare l'impresa.

Secondo il piano di Shackleton, l'Endurance con i suoi 28 uomini, avrebbe dovuto raggiungere le coste settentrionali del continente antartico attraverso l'inesplorato mare di Weddel. A quel punto, Shackleton, insieme a una piccola squadra di 6 uomini, le motoslitte e la muta di cani, avrebbero dovuto attraversare l'Antartide fino alla baia di Ross, dall'altro lato del continente, dove un altro veliero li avrebbe recuperati.

Ma fin da subito, niente andò secondo i piani...

INTRAPPOLATI NEL GHIACCIO

L'Endurance, partita l'8 Agosto 1914 da Plymouth, iniziò l'ultima traversata verso il polo sud, dalla Georgia del Sud, a Dicembre. C'era però un ostacolo formidabile a frapporsi tra la nave e le coste dell'Antartide: un'enorme massa di banchi di ghiaccio. Dopo giorni di navigazione a rilento, il 19 Gennaio 1915 fu chiaro che la nave era ormai saldamente incastrata nel ghiaccio, in una instabile massa che si estendeva per circa di un milione di miglia quadrate. La spedizione di Shackleton rimase nei pressi della nave per quasi un anno, in attesa che la morsa del ghiaccio la lasciasse andare. Il 27 ottobre, tuttavia, la nave dovette essere abbandonata: la pressione del ghiaccio la stava per spezzare in due. Il 21 Novembre, l'Endurance affondò.

Per Shackleton e per i suoi uomini, la priorità era quella di abbandonare la massa ghiacciata, che continuava a spostarsi inesorabilmente verso nord, e di raggiungere la terra ferma, che distava, nel punto più vicino, centinaia di chilometri. Tra il 23 e il 29 dicembre 1915, i 28 uomini compirono una marcia massacrante su un ghiaccio sempre meno solido, trascinandosi dietro, tra le altre cose, anche la lancia baleniera James Caird, che pesava intorno alla tonnellata. Dopo sei giorni marcia, dopo aver sfiorato l'aperto ammutinamento, venne stabilito "camp Patience". Non erano stati percorsi che una dozzina di chilometri. 

Eppure, imprese ben più incredibili attendevano ancora la spedizione Endurance...

NOTA:

A differenza di qualche oscura battaglia combattuta nell'Estonia del duecento, sulla spedizione Endurance è possibile trovare, anche solo su internet, una mole di informazioni e di documentazione impressionante. Per dare un'idea, persino il gatto di bordo, Mrs. Chippy, ha una sua pagina su Wikipedia. La mia non è che una sintesi molto superficiale. Per cui, se volete approfondire, potreste iniziare anche solo dalla pagina in inglese dedicata alla spedizione, sorprendentemente ricca e curata.

Nel frattempo, un paio di foto di James Hurley.

L'Endurance intrappolata nel ghiaccio:


L'evacuazione dell'Endurance:


Una foto di gruppo dei ventotto:

James Hurley (il fotografo) e Ernest Shackleton:

La James Caird, trascinata nel ghiaccio durante la marcia di Dicembre:
Loading...
A Dagger of the Mind
ENGLISH:

Is this a dagger which I see before me,
The handle toward my hand? Come, let me clutch thee.
I have thee not, and yet I see thee still.
Art thou not, fatal vision, sensible
To feeling as to sight? Or art thou but
A dagger of the mind, a false creation,
Proceeding from the heat-oppressèd brain?

W. Shakespeare, Macbeth, Act II, Scene 1

This should definitely be famous and self-explanatory, but to honor tradition, I'll add the classic short description, just in case. Macbeth is one of the better known tragedies of William Shakespeare. Set in XI century Scotland, it recounts the historically inaccurate rise and fall of the historical figure of Macbeth (actual name, Mac Bethad mac Findlaich).
 
At the beginning of the tragedy, Macbeth, a respected thane (a general, as it is called in the tragedy), is returning with his friend Banquo from a victorious battle against invading Norwegians and rebellious Scotsmen, when he stumbles in three horrible hags, the weird sisters, the three witches. 
These servants of the goddess Hecate (probably inspired by the greek Moirai/roman Parcae) decide to have some fun with our hero, hailing him, correctly, as thane of Glamis but also thane of Cawdor and...future King.

Shortly after, Macbeth is informed by a messenger that he has ACTUALLY become the thane of Cawdor, since the actual thane had betrayed the king.
King Duncan has this terrible idea of dining at Macbeth's hall, to celebrate the hero of the day. Macbeth, still obsessed with the weird sisters' omen, is pushed by his wife to kill the king in his sleep, thus fulfilling the prediction.

He is full of doubts. He hesitates. He has a vision, a dagger in front of him. Should he grab hit? He woulnd't...but at the same time he cannot stop thinking about the opportunity that he has to seize the throne. Suddenly a bell rings. And he goes...

FURTHER READING OR WATCHING:

Shouldn't you have never heard of Macbeth, go and read the original tragedy. You should be able to find it anywhere in any language.

Should you be too lazy, search for and watch any of the thousands theatrical reharsal avaiable.

Should you be too lazy and wanna watch a movie, maybe the best to start with is the spectacular, faithful and particularly horrifying Roman Polanski's version. It was filmed shortly after the infamous murder of Polanski's pregnant wife by the hands of Charles Manson, while he wasn't home. This is particularly reflected in a prolonged, unbearable scene when something very similar happens to McDuff... also, this is one of the few times in the history of cinema in which plate armor work as it should. Amazing fight scene in the end, especially for a movie made in the 70s.

Should you be even MORE lazy, watch this short creepy BBC 2 animation from the early nineties. This is part of a series of animated comedies and tragedies of Shakespeare, produced by BBC 2 in the early nineties. The staff was mostly russian (post soviet), so this is definitely non-canonical western animation. The tragedy is of course heavily abridged, but really, all the basic is there, it's really a neat work. The dubbing is done by professionals (Macbeth is Brian Cox, i.e.). The direction is also great, and there are severals great ideas. It really gives you the paranoid, nightmarish, gloomy feeling it should be giving. 
This cartoon, as surprisingly violent and dark as it is, was part of my childhood. I've seen the VHS thousands of time - the italian version, of course. The opening and the climax battle were the inspiration for thousands of childhood drawings. You can imagine what a big influence this has been to me.



HISTORICAL NOTE

Should you be as punctilious as I am, you have noted the cloak, and maybe you are a bit perplexed about it. That's a bratt or plaid worn by Macbeth and it's is referred to his presumably historical highlands/gaelic descent. At least, so I thought when I drew it, since the castle in which he kills the king is in Iverness. But I started to have doubt about the descent just after. Anyway, post-Pictish/pre-Norman kingdom of Alba is not the easiest thing to research. One thing for sure, the bratt or plaid could have had those squared/tartan like pattern. It's celtic ancient. The crown is mostly inspired by the Lewis ivory chess, which is a bit later (XII century).
Not that is much important to know, but still.

ITALIANO:

È un pugnale questo che vedo davanti a me, 
con il manico rivolto alla mia mano? Avanti, fatti agguantare. Non ti afferro, eppure ti vedo ancora. 
Non sei tu, fatale visione, sensibile 
ai sensi come alla vista? O non sei altro che 
un pugnale della mente, una falsa creazione, 
che proviene da un cervello oppresso dalla febbre?

W. Shakespeare, Macbeth, Atto II, Scena 1

Il riferimento dovrebbe essere arcinoto e il disegno dovrebbe spiegarsi da solo, ma per onorare la tradizione e perché non si sa mai, aggiungerò la classica descrizione. Macbeth è una delle più note tragedie shakespeariane. Ambientata nella Scozia del XI secolo, narra, con licenza poetica rispetto alle vicende storiche, l'ascesa e la caduta di Macbeth, personaggio storico (al secolo Mac Bethad mac Findlaich).

All'inizio della tragedia, Macbeth, un nobile scozzese e rispettato generale (come viene chiamato nella tragedia), di ritorno da una battaglia contro i Norvegesi e alcuni ribelli scozzesi in compagnia dell'amico Banquo, si imbatte in tre orribili megere: le sorelle fatali, le tre streghe.
Queste servitrici della dea Ecate (ispirate probabilmente alle Moire greche/Parche romane) decidono di concedersi un po' di sadico divertimento con il nostro eroe, salutandolo correttamente come signore di Glamis, ma anche come signore di Cawdor e soprattutto come...futuro Re.

Di lì a poco, un messaggero annuncia a Macbeth che effettivamente egli è stato nominato signore di Cawdor, dopo la condanna a morte per tradimento del precedente titolare. Nel frattempo, il Re ha la sciagurata idea di invitarsi a banchettare a casa del nuovo eroe del regno. Ossessionato dalla predizione delle streghe e incoraggiato dalla moglie, Macbeth decide di uccidere nel sonno il suo benefattore e diventare così Re.

Tuttavia è pieno di dubbi. Esita. Nel buio, ha una visione: un pugnale, come sospeso in aria. Lo afferrerà? Compirà il delitto? Non vorrebbe...eppure non riesce a togliersi dalla testa le parole delle streghe. Quando il suono di una campana lo riporta alla realtà, Macbeth prende la decisione fatale...

MACBETH IN TUTTI I FORMATI

Se non conoscete l'opera, il consiglio è naturalmente di leggerla. La dovreste trovare in tutte le lingue e in tutte le versioni possibili e immaginabili, in qualunque libreria.

Se foste troppo pigri per il libro, ci sono numerose versioni teatrali registrate e recitate anche da grandissimi.

Se foste troppo pigri per il teatro, ci saranno una dozzina di film. Tra tutti, quello che è insieme più spettacolare e fedele al testo (ma non necessariamente più bello), è forse quello di Polanski. E' tra l'altro una delle versioni più cupe e violente, pur essendo degli 1971, anche perché fu il primo film girato dal regista dopo la brutale uccisione di sua moglie e del bambino che aspettava per mano di Charles Manson. La parte sulla famiglia di MacDuff sembra quasi una messa in scena del delitto, visti i numerosi paralleli tra il fatto di cronaca e la vicenda immaginaria. 
Tra l'altro questo è uno dei pochi film che mostri un'armatura tardo medievale fare il suo dovere, se la cosa vi incuriosisse.

Se foste troppo pigri pure per il film, ma aveste qualche nozione di inglese, esiste addirittura un cartone animato da 25' della BBC 2. La direzione artistica e tecnica è quasi tutta russa ed essendo il cartone del 1992, è ancora molto poco influenzata da quella occidentale. Nonostante gli ovvi tagli, c'è tutto l'essenziale. I doppiatori sono attori professionisti (Macbeth è Brian Cox), la regia è ottima e ci sono un sacco di idee visive interessanti. Tra l'altro, è violento e inquietante come dovrebbe essere il testo. Decisamente all'est i prodotti per l'infanzia li concepivano diversamente...
Tra l'altro, piccola nota personale: di questo cartone, fin dall'infanzia, ho consumato il VHS - uscì anche noi. Ha ispirato tonnellate di disegni, quindi potete immaginare quanto mi abbia influenzato.

www.youtube.com/watch?v=qfnUq2…

NOTA STORICA:

Se foste puntigliosi quanto me, forse vi potreste essere fatti qualche domanda sul mantello - tipo: il tartan, nel secolo XI? Il mantello è il classico bratt o plaid gaelico di lana, un riferimento alle origini di Macbeth. Come signore di Inverness, me l'ero figurato proveniente dalle Highlands, il territorio occidentale della Scozia, da sempre influenzato, più che dal resto dell'isola britannica, dall'Irlanda e, nel Medioevo, dai paesi scandinavi. Il bratt o plaid, tipico indumento gaelico, all'epoca si indossava come un mantello. I motivi diciamo tartan, o quadrettati, non sono necessariamente cinquecenteschi come il celebre kilt, sono anzi riscontrabili anche in epoca più antica. Per cui l'indumento si giustifica così.
Tuttavia mi sono poi venuti dei dubbi sulle origini di Macbeth, visto che Glamis (di cui lui è signore), si trova sulla costa est della Scozia.

Come intuirete, il XI secolo scozzese, l'epoca immediatamente successiva ai pitti e precedente ai normanni, non è la cosa più facile del mondo su cui fare ricerca senza documenti specifici. Non che poi in questo caso importasse (a Shakespeare, giustamente direi, interessava poco), ma si sa, sono un caso patologico...
Loading...
Pine Forest
ENGLISH: 

Just a rather small pine forest, done in ink instinctively and mostly with a dry, big, brush. It's really an amazing technique, as it allows you to do nice stuff, especially smoke and forests (and EXPLOSIONS!) in amazingly short time.  

ITALIANO:

Sketch di una foresta di conifere, fatto a inchiostro d'istinto, usando principalmente un pennellaccio ignobile a secco. Davvero una tecnica miracolosa per fare alberi o fumo (o ESPLOSIONI!) con almeno un'apparenza di credibilità e in tempi rapidissimi. 
Loading...
Jabos Attack, Normandy, August 20, 1944

ENGLISH (based on R. Atkinson, Guns at last Light, K. Ford, Falaise 1944):

The battlefield at Falaise was unquestionably one of the greatest "killing fields" of any of the war areas. Forty-eight hours after the closing of the gap I was conducted through it on foot, to encounter scenes that could be described only by Dante. It was literally possible to walk for hundreds of yards at a time, stepping on nothing but dead and decaying flesh.

D.D. Eisenhower, Supreme Commander of the Allied Forces in Europe

The battle of the Falaise pocket was the last act of the Normandy campaign in 1944. The battle saw the encirclement and the destruction of most of the german Heeresgruppe B, as it struggled to retreat east of the Seine pushing through a thin corridor.

The scene is inspired by an actual episode, in which, in the morning of August 20th, the british Typhoon planes attacked, in full sunlight, a german convoy on the road between St.Lambert-sur-Dives and Mount Ormel. These attacks from the Jabos (german short for Jagdbomber) were extremely effective since the Allied had almost full air superiority and as they were directed against massed targets in heavy trafficked roads. 

The plate was inspired by one the many, scary, statistics quoted by Atkinson in his excellent book. Together with almost 10.000 soldiers, 8.000 horses, which were still widely used by the german army, were also killed during the battle. Apparently, the stench of the massed dead bodies of men, horses and cows under the summer sun could penetrate the cockpits of the Spitfires flying 500 meters above. The cleaning of the dead animals had to be carried on until November.

Paris was liberated just a few days later, but the war was still far from being over.

REFERENCES:

Some photos of the Dantesque scenery described by Eisenhower. The latest metal fragments from the battle were removed only 1961.

s-media-cache-ak0.pinimg.com/o…
l7.alamy.com/zooms/39a7955a9ca…
www.ouest-france.fr/sites/defa…

ITALIANO (basato su R. Atkinson, Una guerra al tramonto, K. Ford, Parigi è vicina. La disfatta tedesca a Falaise):

Il campo di battaglia di Falaise è stato senza dubbio uno dei più grandi carnai tra tutte le zone di guerra. Quarantotto ore dopo la chiusura del corridoio, lo attraversai a piedi, per incontrare scene che potrebbero essere descritte solo da Dante. Si poteva letteralmente camminare per centinaia di metri calpestando null'altro che carne morta o putrescente. 

D. D. Eisenhower, Comandante supremo delle Forze Alleate in Europa

La battaglia della sacca di Falaise fu l'ultimo atto della campagna di Normandia del 1944, dove il Gruppo Armate B tedesco venne accerchiato e quasi completamente distrutto, mentre tentava disperatamente di mantenere aperto un corridoio per fuggire a est della Senna.

La scena è ispirata a un episodio realmente avvenuto, durante il quale, la mattina del 20 Agosto, gli aerei lanciarazzi Typhoon attaccarono, con il sole del mattino, un convoglio tedesco in ritirata sulla strada tra St. Lambert sur Dives e il Monte Ormel. Questi attacchi degli Jabos (abbreviazione tedesca per Jagdbomber, cacciabombardiere) si rivelarono estremamente efficaci contro i bersagli ammassati e incollonnati nel traffico ed erano temutissimi anche in virtù del fatto che gli Alleati detenevano una schiacciante superiorità aerea, che permetteva loro di agire praticamente incontrastati dall'aviazione tedesca.

La tavola è inoltre ispirata ad una delle numerose e impressionanti statistiche riportate da Atkinson nel suo eccellente resoconto della campagna in Europa del 1944-45. Oltre a 10.000 soldati tedeschi, all'interno della sacca morirono, insieme a un incalcolabile numero di bovini, anche 8.000 cavalli, che ancora venivano utilizzati dall'esercito tedesco durante la sua disperata ritirata. Pare che quello che sarà poi ricordato come il "lezzo di Falaise", l'odore di migliaia di carcasse ammassate sotto il sole estivo, riuscisse a penetrare la carlinga di un caccia Spitfire a cinquecento metri di altezza. Solo per ripulire la zona della sacca da tutte le carcasse, i lavori procedettero fino a Novembre inoltrato, mentre il fiume Dives fu considerato per mesi contaminato e l'acqua veniva distribuita solo tramite cisterne.

Parigi venne liberata pochi giorni dopo, eppure la guerra era ancora lontana dal finire.

RIFERIMENTI:

Alcune foto dello scenario dantesco descritto da Eisenhower. Gli ultimi frammenti metallici della battaglia vennero rimossi solo nel 1961.

s-media-cache-ak0.pinimg.com/o…
l7.alamy.com/zooms/39a7955a9ca…
www.ouest-france.fr/sites/defa…

Loading...
ENGLISH:

A place where even the sea froze; where war was total before the term even existed; where women and children were sold as slave and men were killed on sight, combatants, prisoners, young and old alike; where villages were burned and sacked by warring armies; where conversion to Christianity was obtained by the sword and where the converters could have had their hearts eaten out in pagan rituals. A place pillaged and raided by ambitious German and Scandinavian conquerors, vengeful Balt neighbours, treacherous Russian princes and by its own inhabitants. Welcome to early XIII century Estonia. Where everything bad you may have heard about the Middle Ages actually happened. It will be the subject of some of the upcoming stuff.

Get the atmosphere with this weird/creepy/epic Estonian animation on an Oeselian legend.



(Especially the scenes from 4:50 onward)

ITALIANO

Dove anche il mare congelava; dove la guerra era già totale prima che qualcuno coniasse il termine; dove donne e bambini venivano venduti come schiavi e gli uomini, in armi, in catene, giovani e vecchi venivano tutti uccisi; dove i villaggi venivano bruciati e saccheggiati da eserciti in guerra tra loro; dove la conversione alla religione cristiana veniva ottenuta sulla punta della spada e dove i convertitori rischiavano di avere il cuore mangiato dai neoconvertiti in truci rituali pagani. Un luogo devastato da ambiziosi conquistatori Tedeschi e Scandinavi, vendicativi vicini Balti, pericolosi principi Russi e persino dai suoi stessi abitanti. Benvenuti nell'Estonia della prima metà del XIII secolo. Dove tutto ciò che di brutto che potreste aver sentito dire sul Medioevo in effetti successe. Sarà il soggetto di alcuni dei prossimi disegni.

Entrate nell'atmosfera con questo stranissimo/inquietante/epico cartone animato estone su un leggendario gigante Oseliano.



(In particolare le sequenze da 4:50)

Friends

Comments


Add a Comment:
 
:iconskoshi8:
Skoshi8 Featured By Owner 3 days ago  Hobbyist Photographer
Best wishes on your birthday!
Reply
:iconfritzvicari:
FritzVicari Featured By Owner 3 days ago  Student
Thanks a lot :)
Reply
:iconmirage2000:
mirage2000 Featured By Owner 3 days ago
Happy birthday!
Reply
:iconfritzvicari:
FritzVicari Featured By Owner 3 days ago  Student
Thanks!
Reply
:iconbillyaustria:
BillyAustria Featured By Owner 3 days ago  Hobbyist Traditional Artist
Happy Birthday! Hope to see something of you again :)
Reply
:iconfritzvicari:
FritzVicari Featured By Owner 3 days ago  Student
I've just posted new stuff few days ago. I'll try to keep up this time. Thanks a lot :)
Reply
:iconbillyaustria:
BillyAustria Featured By Owner 3 days ago  Hobbyist Traditional Artist
Ah yes, the Banzai-Charge drawing! Totally forgot that, I'm sorry :D
Reply
:iconlibra1010:
Libra1010 Featured By Owner 3 days ago
 Many Happy Returns of the Day Master Fritz! (or should that be Meister Fritz?).birthday cake 
Reply
:iconfritzvicari:
FritzVicari Featured By Owner 3 days ago  Student
Thank you! Master's ok (if not too much of a compliment for me eheh)
Reply
:iconlibra1010:
Libra1010 Featured By Owner 2 days ago
 Many thanks for your gallery of continuing Fine Works!Nod 
Reply
Add a Comment: